Fine corsa

Il 2021 è l'"Anno delle ferrovie" dell'UE ma la sua rete ferroviaria somiglia più un mosaico che a una rete. Gli Stati membri continuano a investire molto di più nelle strade che nelle ferrovie, nonostante l'urgente bisogno di soluzioni ecologiche per i trasporti.

Novembre 2021

INVESTIGATE-EUROPE-TRAINS-0-01-40-14.jpg
Il 2021 è stato ufficialmente intitolato "anno delle ferrovie” dall'Unione europea e il treno Connecting Europe Express ha da poco finito il suo tour dell'Europa per promuovere i vantaggi e la fondamentale importanza della rete ferroviaria nella transizione ecologica. Ma quella che era nata come idea pubblicitaria si è rivelata una cartina al tornasole per le debolezze di un sistema che, più che una rete, è un mosaico: l'Express si è dovuto fermare a quasi tutti i ventisei confini nazionali. Per questa operazione sono state utilizzate cinquantacinque locomotive per trainare tre diverse tipologie di treno perché nelle ferrovie europee nulla combacia.
“Dalla strada al binario” è da decenni il mantra delle autorità in tutta Europa. I pacchetti per le ferrovie dell’UE sono, dal 2001, progettati per aumentare la concorrenza, per connettere diverse ferrovie nazionali in modo da renderle un insieme coerente e per trasportare sempre più merci e più passeggeri in treno.

Ma niente di tutto ciò si è avverato. Meno del 20% delle merci è trasportata sui binari. Solo una piccolissima parte dei viaggi internazionali è fatta in treno. È più difficile viaggiare in treno per attraversare l’Europa oggi rispetto a prima delle riforme. Non solo, c’è sempre più necessità di un vero cambiamento: i trasporti sono uno dei principali fattori che contribuiscono all’emissione di gas serra. La neutralità climatica, che tutta l’UE vorrebbe ottenere entro il 2050, sarà impossibile da raggiungere senza che ci sia un cambiamento radicale.

Investigate Europe ha guardato allo stato attuale delle ferrovie europee e ha cercato di capire i motivi per cui tutti i progetti e le dichiarazioni non si sono trasformate in realtà. Chi sta bloccando il più sostenibile ed ecologico dei mezzi di trasporto per persone e beni? Dove sono finiti i soldi se non li hanno avuti le ferrovie? Chi ci guadagna da questa situazione? Cosa viene fatto per far deviare i treni su binari migliori di così?

Cosa abbiamo scoperto:
  • Abbiamo fatto un’analisi dei dati e abbiamo scoperto che gli Stati UE investono molto di più nelle strade che nelle ferrovie.
  • Negli ultimi 20 anni sono stati dismessi 6.000 km di ferrovia.
  • I Paesi UE hanno adottato varie misure per creare un mercato comune del trasporto ferroviario, il che dovrebbe rendere i diversi sistemi ferroviari europei interoperativi tra loro. Ma, a conti fatti, le imprese ferroviarie nazionali isolano i propri mercati al posto di offrire connessioni da un Paese all’altro.
  • Investigate Europe ha scoperto molti esempi di patti di “non aggressione” tra aziende nazionali di Stati diversi stipulati per evitare la concorrenza.
  • Ancora oggi non esiste un sistema unico europeo di segnaletica e di controllo.
  • Le imprese nazionali commissionano treni che possono essere usati solo sulle reti del proprio Paese.
  • Gli Stati stanno persino emanando delle norme per proteggere i propri mercati. Per esempio, in vari Stati UE i macchinisti devono saper parlare la lingua locale per avere il permesso di lavorare.
  • Ad oggi, non c’è modo di controllare gli orari e acquistare i biglietti su un unico sito per un viaggio che attraversa diversi Paesi. C’è stata un’iniziativa UE per ovviare a questo problema ma la norma è stata sistematicamente bloccata dai governi di Francia e Germania al Consiglio dell’UE.
  • I treni notturni sono stati ridotti e ora sarà difficile ridare vita al sistema.
  • Invece di utilizzare i fondi per progetti che portano miglioramenti veloci e importanti, gli Stati UE stanno investendo miliardi in corridoi su larga scala ma inefficienti, il che è stato criticato duramente dalla Corte dei conti europea. Allo stesso tempo, ci sono iniziative dal basso che si mobilitano contro la costruzione di nuove linee.
  • La mancanza di connessione ha portato a risultati assurdi: per percorrere i 600 km che separano Lisbona da Madrid, i passeggeri devono cambiare tre treni e viaggiare per circa undici ore. Lisbona-Madrid è una delle tratte aeree più affollate d’Europa.
  • Nel continente solo otto viaggi su cento sono via treno. I dati Eurostat mostrano che i viaggi internazionali in treno sono quasi completamente irrilevanti.
Scopri di più su questa indagine leggendo i contenuti esclusivi del nostro sito e gli articoli pubblicati sui nostri media partner. 

Esclusive web

Articoli pubblicati sul Fatto Quotidiano, nostro media partner italiano

Per saperne di più

Articoli sui media partner

Így siklatták ki a klímavédelem egyik fontos projektjét
Így siklatták ki a klímavédelem egyik fontos projektjét

Telex, Hungary

19 novembre 2021

Why are cross-country train tickets in EU still so complex?
Why are cross-country train tickets in EU still so complex?

EUobserver, Belgium

1 gennaio 2023

Wie die Bahnen Klima und Kunden ausbremsen
Wie die Bahnen Klima und Kunden ausbremsen

Der Tagesspiegel, Germany

19 novembre 2021

El tren en Europa permanece en vía muerta con pocos pasajeros y redes inconexas construidas con años de retraso
El tren en Europa permanece en vía muerta con pocos pasajeros y redes inconexas construidas con años de retraso

infoLibre, Spain

21 novembre 2021

El Gobierno, Renfe y Talgo llevan año y medio chocando contra el muro que protege el mercado ferroviario francés
El Gobierno, Renfe y Talgo llevan año y medio chocando contra el muro que protege el mercado ferroviario francés

infoLibre, Spain

22 novembre 2021

Il “treno europeo” è fallito, oggi è anche peggio di vent’anni fa
Il “treno europeo” è fallito, oggi è anche peggio di vent’anni fa

Il Fatto Quotidiano, Italy

22 novembre 2021

Treni, la guerra tra società statali che non fanno più servizio pubblico
Treni, la guerra tra società statali che non fanno più servizio pubblico

Il Fatto Quotidiano, Italy

22 novembre 2021

Sud da Medioevo, ma il governo mette miliardi sull’Alta velocità
Sud da Medioevo, ma il governo mette miliardi sull’Alta velocità

Il Fatto Quotidiano, Italy

22 novembre 2021

Europa na wyboistych szynach. Dlaczego wybieramy samolot zamiast pociągu?
Europa na wyboistych szynach. Dlaczego wybieramy samolot zamiast pociągu?

Gazeta Wyborcza, Poland

22 novembre 2021

Karol Trammer: Politycy wydają setki milionów na nowe linie kolejowe, po których potem jeżdżą cztery pociągi na dobę
Karol Trammer: Politycy wydają setki milionów na nowe linie kolejowe, po których potem jeżdżą cztery pociągi na dobę

Gazeta Wyborcza, Poland

23 novembre 2021

Europa im Bummelzug
Europa im Bummelzug

Republik, Switzerland

23 novembre 2021

Los gobiernos europeos frenan los derechos de los viajeros de tren
Los gobiernos europeos frenan los derechos de los viajeros de tren

infoLibre, Spain

23 novembre 2021

Forsinket på ubestemt tid
Forsinket på ubestemt tid

Klassekampen, Norway

24 novembre 2021

Były prezes PKP: Jeśli bilet lotniczy z Warszawy do Berlina jest tańszy niż kolejowy, to nie ma się co dziwić ludziom
Były prezes PKP: Jeśli bilet lotniczy z Warszawy do Berlina jest tańszy niż kolejowy, to nie ma się co dziwić ludziom

Gazeta Wyborcza, Poland

24 novembre 2021

España no tenía tan pocas conexiones en tren con Portugal y Francia desde hace más de medio siglo
España no tenía tan pocas conexiones en tren con Portugal y Francia desde hace más de medio siglo

infoLibre, Spain

26 novembre 2021

La Tierra gira más rápido alrededor del sol que el sistema ferroviario de la Península
La Tierra gira más rápido alrededor del sol que el sistema ferroviario de la Península

infoLibre, Spain

26 novembre 2021

El tren nocturno resucita en Europa pero pasa de largo por España
El tren nocturno resucita en Europa pero pasa de largo por España

infoLibre, Spain

26 novembre 2021

Budapest-Belgrad: a 979 év alatt megtérüló vasútvonal
Budapest-Belgrad: a 979 év alatt megtérüló vasútvonal

Telex, Hungary

26 novembre 2021

Comboios: onde estão os direitos dos passageiros?
Comboios: onde estão os direitos dos passageiros?

Público, Portugal

28 novembre 2021

Os comboios europeus têm um problema de comunicação
Os comboios europeus têm um problema de comunicação

Público, Portugal

28 novembre 2021

Comboios: o grande descarrilamento europeu
Comboios: o grande descarrilamento europeu

Público, Portugal

29 novembre 2021

Koliko je isplativ projekat rekonstrukcije kojim se podiže brzina vozova na pruzi Beograd-Budimpešta
Koliko je isplativ projekat rekonstrukcije kojim se podiže brzina vozova na pruzi Beograd-Budimpešta

Danas, Serbia

3 dicembre 2021

Go-Ahead brøt kontraktsvilkår, mister britisk toglinje
Go-Ahead brøt kontraktsvilkår, mister britisk toglinje

Stavanger Aftenblad, Norway

9 dicembre 2021

Jernbanen er mye mer oppsplittet enn EU krever
Jernbanen er mye mer oppsplittet enn EU krever

Agenda Magasin, Norway

15 dicembre 2021

‘Een ongecoördineerd, chaotisch en inefficiënt lappendeken’
‘Een ongecoördineerd, chaotisch en inefficiënt lappendeken’

Trends, Belgium

17 dicembre 2021

Why it’s so infuriatingly hard to get around Europe by train
Why it’s so infuriatingly hard to get around Europe by train

OpenDemocracy, UK

20 dicembre 2021

Le grand déraillement de l’Europe du train
Le grand déraillement de l’Europe du train

Mediapart, France

27 dicembre 2021

Avec la libéralisation des trains régionaux, la SNCF perd son trône dans l’Hexagone
Avec la libéralisation des trains régionaux, la SNCF perd son trône dans l’Hexagone

Mediapart, France

29 dicembre 2021

Et ensporet land
Et ensporet land

Agenda Magasin, Norway

25 gennaio 2022

Το «Ασημένιο Βέλος» και άλλες ιστορίες για ιθαγενείς
Το «Ασημένιο Βέλος» και άλλες ιστορίες για ιθαγενείς

EfSyn, Greece

15 febbraio 2022

Σκανδαλώδεις εξαιρέσεις, μυστικές συμβάσεις και επενδύσεις
Σκανδαλώδεις εξαιρέσεις, μυστικές συμβάσεις και επενδύσεις

EfSyn, Greece

16 febbraio 2022

Η αποτυχία της ευρωπαϊκής σιδηροδρομικής πολιτικής
Η αποτυχία της ευρωπαϊκής σιδηροδρομικής πολιτικής

EfSyn, Greece

17 febbraio 2022

Το πραγματικό όνομα του Σταθμάρχη ήταν Άκτωρ και
Το πραγματικό όνομα του Σταθμάρχη ήταν Άκτωρ και

Reporters United, Greece

6 marzo 2023

Il disastro dei treni greci nasce dai tagli della Troika
Il disastro dei treni greci nasce dai tagli della Troika

Il Fatto Quotidiano, Italy

10 marzo 2023

Derrière la catastrophe ferroviaire en Grèce, un échec européen et français
Derrière la catastrophe ferroviaire en Grèce, un échec européen et français

Mediapart, France

19 marzo 2023

 Det greske raseriet: Jernbaneulykken var en ventet
Det greske raseriet: Jernbaneulykken var en ventet

Fri Fagbevegelse, Norway

22 marzo 2023